La visita

Regia Gianluca Cesale
Aiuto regia Lorenzo Benedetto 
Giovedì 13 Giugno | 20:30


Scene e Costumi Mariagrazia Iovine, Alessandro Sannino
Luci e fonica Lorenzo Benedetto, Danilo Calogero, Tommaso Casertano

Con Elena Attolini, Alice Capone, Laura Colella, Domenico D'aprea, Ambra De Leon, Alex Grassi, Giacomo Mariotti, Alessandro Mosca, Luca Scaffidi, Sofia Tramontana, Sara Valenti

SINOSSI

Nell’immaginaria cittadina di Güllen (“letamaio” in svizzero-tedesco), villaggio che fu un centro culturale di primo piano, ormai decaduto in una situazione di abbandono e di crisi socio-economica,  ci si sta preparando alle celebrazioni per l’arrivo di Claire Zachanassian, un tempo cittadina e ora multimiliardaria, tornata a visitare la terra natia. La sua visita mette tutti in subbuglio e in fibrillazione, poiché potrebbe risanare le casse del piccolo, povero paese grazie ad una sua benefica donazione. Dopo alcuni convenevoli, Claire annuncia ai concittadini che è pronta a offrire un miliardo a Güllen, ma ad una sola condizione, svelando così, la vera ragione della sua visita: comprare la giustizia.

NOTE DI REGIA

La visita della vecchia signora (Der Besuch der alten Dame. Eine tragische Komödie) è un dramma di Friedrich Dürrenmatt scritto nel 1955 ed è una fra le sue opere più conosciute. Una “tragica commedia”, come lo stesso autore la definisce nel sottotitolo, che rappresenta uno dei capolavori della drammaturgia europea del secolo scorso. Proprio da questa affascinante mescolanza di comico e tragico siamo partirti per affrontare questa straordinaria opera, piena di domande capaci di mettere in crisi i valori fondamentali dell’essere umano. Siamo finiti, dunque, col chiederci: qual è il limite, superato il quale la giustizia si distorce in vendetta? Come affrontare la complessità del “tradimento” nel confronto tra etica individuale e collettiva? Quanto può essere accecante il potere del denaro e come influisce sulle nostre scelte morali? E infine, in ottica più peculiarmente teatrale, come affrontare il percorso simbolico, di cui tutta l’opera è permeata, che si contrappone a quello poeticamente e crudelmente “vero” che i personaggi devono compiere? Temi che ci è sembrato doveroso trattare con un gruppo di giovani allievi attori e attrici, che vivono un’età di formazione della propria personalità e di visione del mondo che li circonda. Ecco che questa storia, che può sembrare triste, ma che proprio grazie all’alternarsi di commedia e tragedia da allo spettatore la sensazione di far parte di un grande gioco, diventa veicolo di riflessioni fondamentali nella costruzione di un pensiero critico.

 

“La visita della vecchia signora è una storia […] scritta da uno che non si distanzia affatto da questa gente e che non è sicuro che egli agirebbe diversamente […] Io descrivo uomini non marionette; un’azione, non un’allegoria; costruisco un mondo, non una morale, come mi si attribuisce talvolta di fare: anzi non cerco neanche di porre il mio lavoro al confronto col mondo, poiché tutto ciò accade spontaneamente, almeno finché il pubblico è parte integrante del teatro.” (Friedrich Dürrenmatt - Lo scrittore nel tempo,1982)

Gianluca Cesale

Indirizzo

Viale di San Paolo, 12
00146 Roma

Contatti

+39 0655340226
+39 371 1793181

© Nuovo Teatro San Paolo. Tutti i Diritti Riservati.